HOME
einfach und zweckmaessig
WYNA DELUXE
B. Joho & Partner
Industriestr. 5, 5722 Gränichen
Telefono & Fax: +41 (62) 842 11 77
E-mail: info@varroa.ch
Cinque diffusori die aido formico a confronto

 

Cinque diffusori di acido formico a confronto

  In tre alveari sono stati provati cinque diffusori di acido formico in vendita sul mercato. Sono stati messi in opera seguendo le istruzioni ivi allegate. È stato esaminato l'effetto contro la Varroa e gli effetti accessori sulle api e le regine. Invece non si è tenuto conto di aspetti soggettivi come la manipolazione dei diffusori. Con ogni diffusore si è effettuato un trattamento ai primi di Agosto e in Settembre. La tavola che segue mette in evidenza le istruzioni d'uso seguite.


  1° trattamento 2° trattamento
Diffusore Dosaggio Durata Superficie di evaporizzazione Dossagio Durata Superficie di evaporizzazione
Apidea 120 ml 70% 7 giorni 25 cm2 120 ml 70% 14 giorni 35 cm2
Burmeister 60 ml 60% 7 giorni Stoppino 13 cm 200 ml 60% 21 giorni Stoppino 13 cm
FAM-Liebefeld 130 ml 70% 7 giorni Apertura 2 130 ml 70% 14 giorni Apert. 3, dopo 2 gg. apert. 4
WYNA-Deluxe 130 ml 70% 7 giorni 4 aperture 130 ml 70% 14 giorni 8 aperture
Krämerplatte prota all'uso 7 giorni 3 aperture stessa lastra 14 giorni 10 aperture per parte


Apidea

  Diffusore piatto con vaschetta di plastica e tessuto assorbente in viscosa per collocare il prodotto, con due coperchi con aperture per l'evaporazione, amovibili per regolare la superficie di evaporazione. Per il trattamento, il diffusore viene posizionato sui favi e coperto con un foglio. Un listello di legno spessore 10 mm viene intercalato tra favi e diffusore.

Burmeister

  L'acido formico viene versato in un piccolo recipiente. L'evaporazione avviene mediante uno stoppino di cartone. Il diffusore è da fissare in un favo e da piazzare in seconda posizione alla fine del grappolo della popolazione. Sono state seguite le istruzioni del fornitore Lenggenhagen.

FAM-Liebefeld

  Questo diffusore è munito di una vaschetta bassa con coperchio in acciaio inox che si colloca direttamente sopra i favi con il grappolo, senza intercalare dei listelli di rialzamento. La regolazione dell'evaporazione avviene tramite un disco girevole. L'acido formico è contenuto in un tessuto assorbente in viscosa.

WYNA-Deluxe

  Questo diffusore consiste in una vaschetta piatta con coperchio di acciaio inossidabile. Le 10 aperture di evaporazione sul fondo della vaschetta possono essere aperte o chiuse individualmente. Il diffusore è fatto esattamente con le misure dell'arnia svizzera e viene collocato sui favi al posto della solita copertura. L'acido formico, ache in questo modello, è contenuto in un tessuto assorbente di viscose.

Krämerplatte
Lastra modello Krämer

  La lastra in fibre morbide è impregnata di acido formico ed è munita di una custodia di plastica. Prima dell'uso, la plastica viene perforata per ottenere le aperture necessarie all'evaporazione. In seguito, la lastra viene collocata direttamente sopra i favi del grappolo intercalando un listello di rialzamento di 2 cm. Fra la lastra e la copertura bisogna intercalare ancora un listello di rialzamento di altri 2 cm. La stessa lastra serve per i due trattamenti. Le istruzioni seguite sono quelle di Andermatt-Biokontrol AG.

  Risultato die efficacia   Perdite di regine
Diffusore n 1° trattamento 2° trattamento Totale AF Varroa morti
Trattamento di controllo
1° trattamento 2° trattamento
Alpidea 14 59% 89% 96% 73 0 0
Burmeister 14 42% 87% 92% 138 0 1
FAM-Liebefeld 13 74% 91% 98% 35 3 0
WYNA-Deluxe 10 75% 85% 96% 50 2 1
Krämerplatte 13 37% 92% 95% 104 1 1
Media di successo di trattamento e perdite di regine con i vari diffusori. (Per definire l'efficacia del secondo trattamento, il residuo di Varroa dopo il primo trattamento è stato valutato come 100%).


Efficacia

  L'efficacia dei 5 diffusori si situa tra il 92 e il 98%. È dunque buona o addirittura molto buona. Soltanto il modello Burmeister con il 92% ha dato un risultato leggermente inferiore. Burmeister, Krämerplatte e un po' meno. Apidea hanno mostrato un'efficacia non sufficiente al primo trattamento. Nel caso del Burmeister, la dose di 60 ml di acido formico probabilmente non era sufficiente e ha dovuto essere aumentata. Un'altra ragione è forse l'alta temperatura durante il trattamento. Questa ha per effetto una accresciuta ventilazione provocata dagli api e di conseguenza una concentrazione minore di acido formico all'interno dell'arnia. Per salvaguardare la populazione durante l'inverno, è necessario ridurre il più possiblie la presenza di Varroa.
I risultati di questi esperimenti come pure le esperienze degli ultimi anni hanno dimostrato che ci possono essere grandi differenze nei risultati tra le varie arnie come pure tra alveari. Di conseguenza si raccomanda di combinare il trattamento all'acido fomico con uno all'acido ossalico nel mese die Novembre.

Perdite di regine

  I due diffusori FAM-Liebefeld e WYNA-Deluxe con rispettivamente 3 e 2 su 13 hanno dato una perdita importante di regine. Comunque hanno anche dato la migliore efficacia nel trattamento. La conclusione è che le aperture di evaporazione erano troppo grandi dato le temperature di 4°/5° C sopra della media degli anni scorsi. Bisogna includere tale indicazione nelle istruzioni per l'uso. In occasione del secondo trattamento, la superficie di evaporazione del diffusore FAM-Liebefeld è stato ridotto e soltanto due gioni dopo aperto nella superficie prevista. La misura ha permesso di evitare la perdita di regine ottenendo allo stesso tempo un buon risultato del trattamento. L'unico diffusore che non ha causato perdite di regine è l'Apidea. Comunque, le esperienze su parecchi anni hanno dimostrato che, indipendentemente del modello, ci possono essere delle perdite di regine.

Trattamento di controllo

  Nonostante i buoni risultati di trattamento con i vari diffusori, su 44% delle popolazione si sono trovati ancora più di 50 acari. È per questo motivo che, nelle condizioni svizzere, è necessario che dopo il secondo trattamento di lunga durata all'acido formico, venga fatto in Novembre un trattamento complemetare con l'acido ossalico oppure in primavera bisogna tagliare e eliminare in due riprese i nidi di fuchi.

Conclusione

  L'efficacia dei diffusori esaminati è simile se sono adoperati in maniera ottimale. La differenza fra varie popolazioni può essere relativamente significativa. Un trattamento complemetare all'acido ossalico nel periodo non riproduttivo è comunque fortemente raccomandato.
 

WYNA-DELUXE - B. Joho & Partner - Tratta di un aiuto per l'apicoltore

Industriestrasse 5, 5722 Gränichen, Telefono & Fax +41 (62) 842 11 77, E-mail: info@varroa.ch